viaggio on the road in Asia Centrale

Odissea in Asia Centrale: #disagiostan e bellezza

Prima di raccontare un viaggio così devi raccogliere le idee. Non solo le idee, le sensazioni. È stato un viaggio fuori dalla nostra zona di comfort, tra avventure e disavventure, alle presa con barriera linguistica, straniamento, disagio… anzi #disagiostan. Abbiamo guidato per 5000 km, incontrato persone dai modi ruvidi e genuini, perso il conto delle madrase visitate e dei sobbalzi presi col fuoristrada. Questo viaggio ci ha arricchiti, forse più di altri. Ci ha portato un passo oltre i nostri limiti, ci ha reso consapevoli di noi stessi e del nostro legame, ci ha insegnato a fare squadra sempre, a comprendere gli altri pur senza capirli. Come tanti dei nostri viaggi, è stato un viaggio di cuore e pancia, polmoni e occhi, seguendo la brezza sulla pelle, per accogliere il nuovo e permettergli di cambiarci.

come organizzare un viaggio in Asia Centrale

Il nostro itinerario in Asia Centrale

Come organizzare un viaggio in Asia Centrale

Risorse online

Online ci sono due risorse utilissime per iniziare da zero ad organizzare un viaggio in Asia Centrale:

  • Pain de Route: probabilmente quando ti sei interessato all’Asia Centrale sarai capitato su uno dei canali di Eleonora Sacco: ha viaggiato a lungo in Asia Centrale e sul suo sito trovi tante informazioni utilissime e anche i suoi splendidi racconti di viaggio.
  • Caravanistan: è un sito in inglese con tantissime informazioni su ogni angolo dell’Asia Centrale. Il vero bonus però è il forum dove decine e decine di viaggiatori di scambiano notizie aggiornate su ogni Stato e su ogni aspetto del viaggio.

Come spostarsi in Asia Centrale

Per iniziare a organizzare il tuo viaggio in Asia Centrale per prima cosa devi decidere come spostarti. In Uzbekistan c’è una efficiente rete ferroviaria, in tutti i paesi ci si può spostare in sicurezza utilizzando i mezzi pubblici. I mezzi più sfruttati sono i taxi collettivi, chiamati marshrutke. Noi, invece, abbiamo scelto di noleggiare un fuoristrada per avere completa autonomia di movimento. Noleggiare un’auto in questi paesi non è facile e lo è ancora di meno trovare qualcuno che consegni e ritiri l’auto in due luoghi differenti. Il costo del noleggio di un fuoristrada si aggira sui 90$ al giorno: sì, è caro. Altra cosa da sapere è che qui le automobili sono, diciamo, “vintage”: il nostro fuoristrada era un Land Cruiser del 1994 con oltre 400000 km! Spesso lo stato di manutenzione delle automobili non è il massimo… il suddetto fuoristrada, ad esempio, aveva tutta una serie di “accrocchi” artigianali tenuti insieme – letteralmente – col nastro isolante… ed effettivamente il suddetto fuoristrada ci ha lasciato a piedi a metà strada… ma questa è un’altra (dis)avventura che ti racconteremo presto.

Dove dormire in Asia Centrale

Per quanto riguarda guesthouse e hotel, qualcosa si riesce a trovare ad esempio su booking (vale soprattutto per l’Uzbekistan o per le città più grandi). Per i luoghi più remoti, come i parchi del Kazakistan oppure i villaggi del Kyrgyzstan oppure per le esperienze in yurta, si trovano molti contatti online, utilizzando il forum di Caravanistan oppure Google Maps o anche Instagram. Quasi sempre troverai un contatto whatsapp e con l’aiuto di un traduttore o scrivendo in inglese (in questo caso il traduttore lo usano loro) potrai prenotare la stanza, la yurta o la cena.

dormire in yurta

Cosa aspettarsi dall’Asia Centrale

L’Asia Centrale è come una pietra davanti alla faccia. Ti scontri con una spaccatura enorme tracciata dalla difficoltà nel comprendersi (a meno che tu non parli russo, naturalmente). Ad esempio: ai distributori bisogna dire quanti litri di carburante si vuole acquistare; a poco è valso imparare dal traduttore la parola “polnyy” per chiedere il pieno, quasi nessuno capiva cosa intendessimo. All’inizio è straniante. Ti sembra di essere su un altro pianeta dove anche la gestualità è diversa. Poi, poco alla volta, impari. Impari che la prima cosa da fare, sempre, è stringere la mano, a chiunque, conosciuto o sconosciuto, anche quando devi soltanto chiedere un’indicazione stradale. Impari che i dolci arrivano in tavola prima di tutto il resto o che sono già lì, belli incellophanati in attesa che i commensali si siedano. Impari che le fotografie con tanto di didascalia con il nome della pietanza che appaiono sui menù sono fuorvianti o addirittura casuali, mica come in Giappone. Impari che sotto quella patina ruvida le persone sono gentili, ci provano ad aiutarti, chiedendosi perché diavolo sei arrivato fin lì sapendo dire solo “spasiba” e “dasvidania” ma apprezzando il tuo sforzo. Ci chiedevano da dove venissimo e come strabuzzavano gli occhi scandendo “I-ta-li-a!” senza crederci, come se solo un francese potesse arrivare fin lì da solo su un fuoristrada. Ci osservavano ridendo un po’ sotto i baffi, dimenticandosi di noi un istante dopo, senza che fossimo né un’attrazione né la normalità. “Niet russki?”, continuavano a chiederci, e noi “niet!” e poi un secondo dopo di nuovo, niet russki? davvero davvero?

Bisogna arrivare in Asia Centrale scordandosi dell’Europa. Qui non si sono adattati a ciò che il turismo europeo vuole (fa eccezione l’Uzbekistan). Ed è questo il bello: arrivare in un posto che è ancora autentico, quasi inviolato. Sì, significa anche #disagiostan, ma che sarà mai lo scarico della doccia che non va o il pavimento in PVC che si scolla o la carta igienica che ti viene consegnata al momento del check-in razionata in confronto all’essere uno dei pochi “eroici” viaggiatori arrivati fino lì da soli, a vivere senza filtro tutto il bello e il brutto che può capitarti su strade sterrate o asfalto a brandelli o prati sterminati tra le montagne.

8 commenti su “Odissea in Asia Centrale: #disagiostan e bellezza

  1. Ciao ragazzi! Grazie ai vostri video abbiamo deciso di partire anche noi per un viaggio in Asia centrale quest’estate.
    Sapreste indicarci nominativi di agenzie di autonoleggio? Vi ringrazio e vi auguro una buona giornata!

  2. Ciao! Abbiamo visto e rivisto i vostri video in #disagiostan e ce ne siamo innamorati…. 😂
    Questa estate, in agosto, faremo un giretto tra Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan.
    Stiamo riscontrando alcune difficoltà nel reperire un’auto a noleggio. Voi come avete bypassato il problema?

    1. Ciao ragazzi! Trovare qualcuno che ci noleggiasse un auto con possibilità di attraversare 3 paesi non è stato affatto facile. Abbiamo cercato online e alla fine abbiamo trovato Oibek. Onestamente non sappiamo se raccomandarlo o meno, anche perché non ci sono molte alternative… di sicuro non lo sconsigliamo: le auto non sono esattamente ben tenute (come un po’ tutte in Asia Centrale), ma quando abbiamo avuto problemi con il primo fuoristrada alla fine ci ha aiutato a risolvere e proseguire il viaggio.
      Vi lasciamo i contatti:
      OIBEK SADYKBAEV
      Silkway Wheels CACMR
      Str:Michurin 28,
      Osh, Kyrgyzstan 723500
      http://www.centralasiacarrental.com
      email:pamirextrime@gmail.com
      phone: +996551006115 cell/Watsup
      40.508576, 72.808635

  3. Ciao ! Complimenti per il viaggio. In che periodo l’avete fatto ? Io volevo fare una vacanza simile 3 settimane fra fine giugno e metà luglio. Il periodo è buono? Secondo voi (Uzbekistan a parte) è fattibile fare il tour senza auto a noleggio ma con mezzi locali (bus,treni) e poi fare qualche mini tour (es cavallo) localmente? Viaggerei da solo. Vi ringrazio anticipatamente. Stefano

    1. Ciao Stefano, grazie per aver letto il nostro articolo. Noi abbiamo viaggiato in agosto, a giugno/luglio probabilmente il clima è simile: abbiamo trovato temperature gradevoli nelle zone di montagna ma parecchio caldo in particolare in Uzbekistan (Samarcanda, valle Fergana). Per quanto riguarda gli spostamenti, sappiamo di molte persone che hanno viaggiato in queste zone usando i mezzi locali, principalmente le marshrutke. Probabilmente bisogna mettere in conto più tempo per un pari spostamento perché, da quel che abbiamo letto, partono quando sono piene e non con orario fisso e, su tratte di lunga percorrenza, potresti dover cambiare 2-3 mezzi. Per quanto riguarda tour in loco es a cavallo o simili non dovresti aver problemi: nelle guesthouse sono molto disponibili e hanno sempre qualche amico/conoscente da raccomandare. Viaggiare da solo non pensiamo esponga a particolari rischi in termini di sicurezza; tuttavia l’Asia Centrale può essere davvero molto #disagiostan anche per la barriera linguistica quasi completa che potresti avere se non parli il russo.
      Ti auguriamo un’esperienza indimenticabile in Asia Centrale, buon viaggio!

  4. Grazie. Ho adorato la frase: “ci ha reso consapevoli di noi stessi e del nostro legame, ci ha insegnato a fare squadra sempre”.
    Nel nostro ultimo viaggio in Oman abbiamo avuto una disavventura con l’auto con cui ci siamo “piantati” nel mezzo del nulla più assoluto. E la cosa che ho apprezzato é stato proprio il nostro fare squadra, il non scoraggiarci, il non piangerci addosso, ma unire le nostre forze per trovare una soluzione.
    E le tue parole mi hanno fatto rivivere esattamente quella sensazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
Translate »